Non fai ancora
parte della community
Registrati >

Il lago d'Orta

Blogger
di Emma Gipi

Giornalista, mamma, in perenne lotta con..

Storia, cultura, tradizioni. Il periodo è l’ideale per una gita sul lago piemontese. Ecco i paesi da visitare e i dintorni da non perdere.
 
Orta San Giulio – È il paese più delizioso della zona, secondo molti. Fra le attrazioni turistiche imperdibili ci sono Villa Bossi, oggi sede del palazzo municipale, il Palazzo delle Comunità risalente al 1582 e oggi diventato sede di mostre e manifestazioni culturali, e piazza Motta, anche detta “la piazza salotto” da dove si gode di una vista spettacolare sul lago e sull’isola di San Giulio. Da qui potete continuare la vostra passeggiata in salita ammirando Palazzo Gemelli, Palazzo Penotti Ubertini e altre residenze storiche. Una volta arrivati in cima alla salita ad accogliervi sarà la parrocchia dell’Assunta. Suggestivo, poi, il Sacro Monte: una zona collinare immersa nei boschi che ospita 21 piccole cappelle; oggi la zona è diventata Riserva Naturale Speciale tutelata dalla regione Piemonte.
 
Ameno – Il paesino è piccolo e quasi deserto: ci sono appena 900 abitanti, ma è ricco di arte e cultura. Per accorgersene basta alzare gli occhi verso l’alto e ammirare i decorati palazzi nobiliari che si ergono in mezzo alla campagna, circondati da parchi fioriti. Nel piccolo centro storico del paese una visita va riservata a Palazzo Tornielli, ex dimora nobiliare oggi sede del Comune. Se avete voglia di fare una passeggiata nella natura il Quadrifoglio di Ameno è quel che fa per voi: si tratta di un itinerario a piedi formato da quattro sentieri, dal più semplice (6 chilometri circa) al più impegnativo (11 chilometri o poco più).
 
Isola San Giulio – È l’isolotto che emerge dalle acqua del lago d’Orta. Nel grande complesso costruito al centro dell’isola vive una comunità di monache Benedettine, che occupano quello che un tempo era il castello del posto. C’è anche la basilica, sopravvissuta a numerosi bombardamenti e ogni volta ricostruita. Ad incuriosire i turisti è la leggenda legata all’isola di San Giulio: si narra che un tempo l’isola fosse dominata da un mostruoso serpente che distruggeva ogni cosa che si trovava di fronte, fino a quando Giulio, un santo viaggiatore, giunse sulle acque del lago scacciando con un gesto misterioso tutti gli animali feroci, serpente compreso.

Hai dimenticato la password?