Palermo capitale della cultura

La città siciliana è la protagonista del 2018

Tesori nascosti resi disponibili, tante iniziative, aperture speciali, eventi per tutto l’anno: accade a Palermo che per il 2018 è la Capitale italiana della Cultura. E nel capoluogo siciliano ogni angolo è impregnato di storia, già dai tempi dei fenici che la fondarono chiamandola “zyz”, fiore. Oggi la città si è rinnovata e questo è l’anno perfetto per andare a visitarla e coglierne le bellezze, proprio come si coglie un fiore.
 
Gli imperdibili – Ci sono monumenti e luoghi quasi “obbligatori” a Palermo: a partire dalla sua cattedrale dagli influssi arabi e normanni e il suo tesoro e tombe reali. Le altre chiese imperdibili sono San Cataldo con le sue tre cupole rosse e santa Maria dell’Ammiraglio con i suoi mosaici. I mosaici della Cappella Palatina all’interno del Palazzo dei Normanni lasciano col fiato sospeso e all’aperto le fontane sono tutte da ammirare: a partire dalla fontana della vergogna (o fontana Pretoria) con i suoi bellissimi nudi. Volete buttarvi sotto terra? Le catacombe e le mummie del convento dei Cappuccini sono da brivido! E ancora: il teatro Massimo e il suo giardino Reale, e la Zisa, il palazzo da Mille e una notte.
 
Gli eventi straordinari – Ci sono in programma circa 780 eventi legati all’anno 2018 in occasione di Palermo Capitale della Cultura italiana, tutti consultabili sul sito ufficiale della manifestazione. Tra quelli più interessanti, ci sarà la biennale d’arte Manifesta (dal 16 giugno), una delle più grandi mostre europee itineranti, e poi la mostra dedicata al pittore Antonello da Messina a Palazzo Abatellis. Ritornerà a Palermo anche il dipinto di Giovanni Boldini “Ritratto di donna Franca Florio” mentre si aprirà una mostra fotografica dedicata a Frank Capa. La notte da non perdere a Palermo sarà invece quella del 10 marzo, la Notte bianca dei siti Unesco arabo- normanni con aperture straordinarie dei luoghi più belli della città.