Che arte, a primavera!

Le mostre da non perdere
 
È primavera… svegliate anche la vostra voglia di arte! Ecco cinque mostre da non perdere in giro per l’Italia. Un modo interessante per passare un ponte di primavera e una ottima occasione per andare a visitare un’altra città.
Torino, Renato Guttuso alla GAM, Galleria di Arte Moderna: sono sessanta opere dell’artista italiano dipinte tra gli anni Trenta e gli anni Sessanta, tutte emblematiche del suo impegno politico. Da vedere per chi vuole ripassare la storia del Novecento attraverso i pennelli di un grande artista. Chiude il 24 giugno.
 
Picasso, De Chirico e Morandi a Brescia a Palazzo Martinengo: tre artisti che insieme valgono una visita in città. In realtà la mostra offre 100 capolavori e non solo dei tre citati: si chiama “Picasso, De Chirico, Morandi. 100 capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane” e apre le porte dei palazzi e delle case private per mostrare anche qualche inedito. Chiude il 10 giugno.
 
"Monet. Capolavori dal Musée Marmottan" al Vittoriano di Roma: ninfee, rose, ma anche autoritratti. C’è tutto Monet in questa mostra in arrivo da Parigi, e allora perché non andare a fare un bel ripasso e a goderseli tutti? Chiude il 3 giugno.
 
"Da Ribera a Luca Giordano", i Caravaggeschi a Palermo, Villa Zito: un anno importante per Palermo che festeggia la sua nomina a Capitale della cultura per il 2018. E questa mostra è tutta da gustare: raggruppa i cosiddetti caravaggeschi, ovvero quei pittori che tra il Seicento e il Settecento nell’Italia del Sud si facevano riconoscere per il loro stile che tanto prendeva spunto proprio dal Caravaggio. Fino al 10 giugno.
 
“L’elica e la luce. Le futuriste. 1912_1944”, a Nuoro al MAN (Museo d'Arte Provincia di Nuoro): donne e futuriste, artite e intellettuali, pittrici, scultrici, scrittrici. Tutte insieme hanno diffuso le teorie futuriste in Italia. Da vedere per chi passa dalla Sardegna, la mostra è aperta fino al 10 giugno.