Perché usare la candeggina?

candeggina

Candeggina sì o candeggina no? Si tratta di un composto chimico sempre presente nelle nostre case e spesso è l’agente principale di molti altri detergenti. Ha tante proprietà che aiutano le pulizie domestiche: sbianca, smacchia, disinfetta e deodora. Insomma è un alleato prezioso da usare con accortezza. Rispettiamo sempre tre regole: usiamo i guanti, puliamo aerando il locale, non mescoliamo mai la candeggina ad altre sostanze (per esempio con l’ammoniaca) e fidiamoci dei detersivi già formulati al meglio per noi.

 

I panni - La candeggina è efficace più di ogni altro prodotto per sbiancare e smacchiare. Preziosa per il lavaggio di capi bianchi, tende, lenzuola, a patto di usarla nelle giuste quantità, seguendo le raccomandazioni dell’etichetta e tenendo presente che è in grado di portare via anche il colore, quindi è da usare solo su tessuti naturali e bianchi e, in caso di capi molto delicati, occorre fare una prova in un angolo nascosto di tessuto. Grazie alla sua efficacia, elimina odori e macchie difficili anche a bassissime temperature.

 

Le pulizie - La candeggina che si trova in commercio non va mai mescolata ad altre sostanze ma usata da sola e diluita in semplice acqua. Attenzione però al fatto che non è un detergente (non ha tensioattivi) ma solo un igienizzante che funziona grazie al rilascio del cloro. Da sola la candeggina non solo non porta via lo sporco ma anzi, a causa della sua corrosività, può risultare dannosa per superfici delicate. Un detergente già formulato, invece, ci dà le giuste garanzie sull’efficacia e sulla sicurezza del prodotto. Ecco perché, per una vera pulizia, un’ottima scelta è quella di evitare il fai da te e di acquistare detergenti con l’aggiunta di candeggina seguendo le istruzioni d’uso presenti sulle etichette.

 

Disinfettare - La candeggina, come si è detto, igienizza grazie al rilascio di cloro. Anche in questo caso, perché sia davvero efficace, bisogna seguire scrupolosamente le istruzioni sulla diluizione in acqua e sui tempi di posa poiché, se lasciata troppo a lungo su una superficie, o se usata in quantità eccessiva, può causare danni. La rimozione stessa dei batteri è legata al tempo di posa, quindi non ci sono scuse: informiamoci sempre correttamente.