Non fai ancora
parte della community
Registrati >

Mangiare biologico e spendere poco, si può?

Blogger
di Guglielmo Pellegrino

Cucinare è una questione di chimica, di..

di Caterina Policaro
 

Consumo cibi biologici senza dover spendere un capitale è possibile.

Risparmiare non significa sempre dover rinunciare a mettere in tavola cibi di qualità anche se nei supermercati, spesso, il costo degli alimenti biologici è superiore.

 

Due le alternative a disposizione per consumare cibo biologico, senza pesticidi o altro e senza svenarci: autoprodurre, per quanto possibile, sul balcone o in giardino, oppure imparare a scegliere canali diversi per l’acquisto dei prodotti.

 

L’orto sul balcone o in giardino ci consente di coltivare autonomamente erbe aromatiche, (basilico, timo, maggiorana, salvia, rosmarino, prezzemolo, menta ecc.) ma anche ortaggi (pomodori, zucchine, melanzane, cipolle, aglio, lattuga ecc). Certo non tutti possono permetterselo. In alcune città c’è la possibilità di affittare degli orti con una spesa modesta.

 

E’ possibile acquistare prodotti biologici ed averli direttamente consegnati a casa servendosi direttamente da aziende che operano la coltivazione biologica. Frutta, verdura e prodotti della terra direttamente dal produttore al consumatore, ma anche latte, carne, uova, olio ecc. senza intermediari, filiera corta, prodotti di zona, sicuramente di stagione.

 

Oppure scegliere di far parte di un G.A.S., Gruppo di Acquisto Solidale, in pratica gruppi di persone che oramai in diverse città si mettono insieme per effettuare acquisti all’ingrosso, da piccoli e selezionati produttori, che poi si distribuiscono tra loro. Cerca in internet il Gruppo di Acquisto Solidale della tua zona.

 

Infine, un altro ottimo modo per risparmiare e mangiare bene, è quello dell’acquisto a km 0 al mercato di zona o direttamente dal produttore.

 

Attraverso i mercatini o i gruppi d’acquisto possiamo davvero rifornirci sempre di alimenti bio direttamente dal produttore, senza intermediari e con ottimi vantaggi anche per l’ambiente, perché le merci si spostano meno e si inquina meno. Tutto sta nel vincere la pigrizia e la routine che ci portano al solito super per fare la spesa e nel cominciare a cercare con curiosità i canali di acquisto bio o i produttori delle nostre zone. Una volta scovati, non ne faremo più a meno, mangeremo più sano e, soprattutto, anche il portafoglio ci ringrazierà.

Hai dimenticato la password?