Non fai ancora
parte della community
Registrati >

Shatush grigio per (quasi) tutte

Blogger
di Floriana Ferrando

Laureata in Scienze della Comunicazione..

A chi sta bene?
 
Il grigio è di gran moda da qualche tempo, anche fra le giovanissime e soprattutto per i tagli molto corti. Chi ha i capelli lunghi può optare per lo shatush color argento. Per le intere lunghezze o solamente per le punte.
 
 “È un nuovo trend di colorazione, uno dei servizi più richiesti in salone. Può essere realizzato sia sulla totalità dei capelli, sia giocando sulle lunghezze in modo parziale. Il mio consiglio è di variare la tipologia di colorazione in base alla lunghezza di capelli, preferendo una colorazione totale su tagli corti, mentre mantenere la base naturale sulle radici quando si realizza su tagli medio-lunghi”, spiega Mario Giorgetto, professionista del settore.
 
Sui social network l’hashtag #grannyhair impazza, ma sappiate che questo look curioso e di gran tendenza non sta bene a tutte. Uno shatush grigio, ad esempio, potrebbe rendere stanca e diafana una pelle già troppo pallida, donando un aspetto poco attraente. In linea generale possiamo dire che sta bene a chi vanta una pelle dai toni freddi, anche molto scura. Per le carnagioni olivastre, invece, meglio optare per uno shatush dai colori caldi. Il colore su cui rende meglio? Il castano. Le chiome bionde e quelle nere potrebbero invece trovare maggiore soddisfazione azzardando uno shatush bianco.
 
Il procedimento, diciamolo, non è proprio un toccasana per la chioma: i capelli vanno prima decolorati e poi tinti, senza dimenticare un trattamento anti-giallo, altrimenti il colore rischierebbe di spegnersi dopo pochi lavaggi. 

Hai dimenticato la password?