Non fai ancora
parte della community
Registrati >

Il silenzio, un toccasana contro lo stress

Blogger
di Floriana Ferrando

Laureata in Scienze della Comunicazione..

Il parere degli esperti
 
Alcuni studi clinici mettono in relazione diretta il silenzio con la salute del cervello: l'esposizione continua ai rumori aumenta lo stress e alla lunga può causare persino attacchi cardiaci. È quello che emerge da uno studio condotto dalla dottoressa Imke Kirste della Duke University negli Stati uniti e confermato da una ricerca del 2016 del Deutsche Ärzteblatt International secondo cui l’inquinamento acustico, soprattutto quello di città dato dal traffico stradale e ferroviario, può far saltare i nervi. E pure le coronarie. D’altronde anche secondo uno studio dell'Organizzazione mondiale della sanità proprio il troppo rumore è causa di seri problemi cardiaci ogni anno...
 
Perché il rumore provoca stress? Di fronte ad un ambiente molto rumoroso le onde sonore che raggiungono l’orecchio provocano nell’individuo una reazione quasi immediata che si traduce in tensione. A questa segue il rilascio del cortisolo, cioè l'ormone dello stress, così via libera a cattivo umore e malessere psicofisico.  
 
I rimedi ci sono. Due ore di silenzio al dì sarebbero un toccasana, anche se con la vita frenetica che conduce ognuno di noi fra casa, lavoro e famiglia l’impresa non è certo delle più semplici. La spiegazione è scientifica, come sottolinea la Dott.ssa Kirste: il silenzio incide positivamente sull’ippocampo, l’area del cervello a cui sono legate anche depressione e stress.
 
Ma non solo silenzio: ascoltare la musica classica può rappresentare una valida alternativa. O i suoni della natura, magari. Secondo alcuni specialisti la “terapia del silenzio” consiste proprio in questo: alternare periodi (ore o anche giorni) di totale silenzio a suoni delicati e rilassanti come il suono dell’acqua che scorre o quello delle onde del mare. 

Hai dimenticato la password?