Estate, torna nelle piazze il silent fitness

Silent Fitness

Lezioni di fitness di tantissimi tipi diversi e di vari livelli fatte però lontane dalle palestre accaldate in questo periodo dell’anno, spostate invece nella libertà degli spazi aperti. Piazze, ville, giardini pubblici, lungomare, borghi. Allenamenti stanziali o itineranti. Saltati o più tranquilli: è la moda sempre più presente della silent fitness, la ginnastica senza sentire casse ad altissimo volume e insegnanti urlare nei loro microfoni per incitare gli iscritti. Perché l’audio è tutto nelle cuffiette che l’organizzazione fornisce, collegando le persone che le indossano con l’istruttore e con la musica.

 

Prende il nome della sempre più amata silent disco: la discoteca con le cuffie in testa per poter ballare senza inquinare acusticamente il territorio. Ma il silent fitness, o silent workout, ha una marcia in più perché oltre a divertire e far socializzare, premette anche di tenersi in forma.

 

Cosa serve? Dopo essersi prenotati e arrivato il giorno dell’appuntamento, vi serviranno cuffiette (fornite dall’organizzazione) e abbigliamento da palestra, una bottiglietta di acqua e tanta energia. Si arriva all’appuntamento e ci si riscalda seguendo i maestri per fare aerobica, tono, e lo street workout. Le proposte ci sono e sono in tantissime città italiane, spesso pubblicizzate su Facebook, ma ancora più spesso sono proprio i comuni a supportare queste attività fornendo contributi e dando una mano con l’organizzazione per rivitalizzare gli spazi pubblici.