Foliage therapy: stare bene… con le foglie d’autunno

foliage

Passeggiare nel parco affondando i piedi in un tappeto di foglie colorate? D’autunno si può e questa stagione con la natura che si rinnova è diventata anche una… terapia. Addirittura? Sì, e senza medicinali!

 

Serve infatti ad allontanare la malinconia che spesso la stagione autunnale porta nella nostra vita. Il buio presto, il freddo, o l’umido e le piogge, e si tende a rifugiarsi al chiuso, alla luce non naturale, a mangiare di più…. E invece la ricetta c’è senza nessuna controindicazione: andare a vedere le foglie d’autunno e passeggiarvi in mezzo! C’è una spiegazione scientifica per questa sensazione di patina di tristezza che colpisce in autunno (per fortuna non tutti): è l’abbassarsi dei livelli di serotonina nel nostro corpo, l’ormone della felicità, proprio per via della luce che cala e del cambiamento di stile di vita rispetto alla primavera e all’estate.

 

E allora per combattere questo abbassamento non resta che fare il pieno di luce nuova: i colori caldi delle foglie, i rossi e gli aranci, i toni caldi dei marroni e dei verdi scuri, infondono nella nostra mente e nella nostra psiche una piacevole sensazione di pace. Per questo la “terapia” consigliata è quella di almeno una bella passeggiata tra le foglie magari in un bosco, almeno una volta alla settimana.

 

Cosa fare? Cercare per esempio un itinerario di foliage all’italiana, dove passare weekend godendo di un ritmo lento in cui respirare con la natura. Ma anche, consigliano gli esperti, ricominciare a fare quel che si faceva da bambini: “tuffarsi” almeno con i piedi nelle foglie cadute e accatastate e scalciarle come se si nuotasse in una piscina tutta colorata. Con il pieno di allegria, anche l’autunno prende un altro colore.