Detto Fra noi by Unilever
Non fai ancora
parte della community
Registrati >
Cif
Lysoform detersivo igienizzante
Svelto
Coccolino
Algida
Magnum
CarteDor
Cornetto Algida
Viennetta
Cucciolone
Calve
Lysoform
Knorr
Lipton
Te Ati
Axe
Badedas
Clear
Dove
Dove Man Care
Fissan
Glysolid
Sunsilk
Tony&Guy
Mentadent
Zendium
Neutrazero
Tigi

Chi mangia piano... (va sano e va lontano)

Attualità e Gossip

Parafrasando l'antico adagio popolare potremmo dire che chi mangia piano va sano e chi mangia poco va lontano. È questa l'estrema sintesi si due ricerche recentemente pubblicate sulle riviste scientifiche che si occupano di alimentazione e salute. La prima in ordine cronologico riguarda uno studio condotto su un vasto numero di giapponesi affetti da diabete, circa 60mila. Il loro comportamento è stato studiato per cinque anni e si è scoperto che l'indice di massa corporea (body mass index o BMI) è correlato alla velocità di masticazione. Il gruppo di sessantamila è stato diviso per velocità di masticazione (lento, normale, veloce) e chi masticava più lento aveva BMI migliore e comportamenti alimentari migliori. Chi mangiava più velocemente è stato convinto a rallentare e i benefici sono stati immediatamente evidenti.
 
Altri fattori determinanti nell'impatto sul BMI e sulla circonferenza della vita erano gli spuntini prima di andare a dormire e la cena consumata poco prima di dormire. Entrambi queste abitudini comportano un peggioramento delle nostre condizioni di salute, con effetti collaterali visibili (appunto la circonferenza del punto vita) e altri meno visibili, come aumento di colesterolo, glicemia e ipertensione.
 
Dall'altra sponda dell'Oceano Pacifico giunge invece la ricerca condotta su un gruppo di statunitensi sottoposti per due anni a un regime di restrizione calorica, e cioè persone che hanno ridotto il loro apporto calorico abituale, e lo hanno fatto del 15% (che su una dieta da 2mila calorie equivale a una riduzione di 300 calorie). Dopo soli due anni di 'dieta' il loro peso è diminuito (in media di 9 kg) e il loro metabolismo, valutato in base a molteplici parametri, è decisamente migliorato.
 
Non solo il metabolismo è rallentato, il che vuol dire che nei test effettuati in laboratorio sui soggetti dello studio è stato riscontrata una diminuzione degli effetti dell'invecchiamento. Una diminuzione piccola, ma sensibile. Insomma, alimentando meno del solito il nostro motore, lo alleggeriamo e gli allunghiamo la vita. Va sempre tenuto presente che andare sotto la quantità calorica indicata dall'Organizzazione mondiale della sanità è pericoloso per la salute, ma in media europei e ancor più americani assumono quotidianamente ben più della quantità di calorie necessaria per vivere.

Lascia un commento

0 Commenti
top
Rubriche

L'ORDINARIO E LO STRAORDINARIO IN 4 RUBRICHE
Buona lettura!

Oroscopo
Ariete Toro Gemelli Cancro
Leone Vergine Bilancia Scorpione
Sagittario Capricorno Acquario Pesci
iniziative speciali

SCOPRI QUANTO IL MONDO UNILEVER HA DI SPECIALE DA OFFRIRTI.

concorsi & promozioni

SCOPRI TUTTE LE PROMOZIONI Concorsi e Promozioni

Hai dimenticato la password?