La spesa di febbraio

“Quando il clima aveva una sua regolarità e le stagioni si susseguivano con rassicurante monotonia rispettando il ciclo primavera-estate-autunno-inverno…”

Tra qualche anno, se la crisi climatica non si placa, inizieremo tutti gli articoli su frutta e verdura di stagione così e prevedere quel che si troverà sui banchi di mercati e supermercati sarà quasi impossibile. Oggi invece ci atteniamo ancora una volta al calendario contadino tradizionale, che vuole che in febbraio si raccolgano le seguenti verdure:
broccoli, carciofi, cavoli di tutti i tipi immaginabili, cardi, cicoria, finocchi e spinaci;
e poi le insalate, indivia belga, radicchio, valerianella, e le rape e il sedano rapa.
 
Per quel che riguarda la frutta invece febbraio è terreno fertile quasi esclusivamente per gli agrumi. Dai limoni, con cui prepareremo una ricetta siciliana che li vede protagonisti di una insalata, alle svariate cultivar di arance, in febbraio infatti coesistono le bionde e le rosse, e poi mandarini, clementine, cedri e pompelmi.
Non mancano mele e pere e i kiwi, grandi apportatori di vitamina C.