Fili d’oro per il lato B di Belen

Il segreto della star
 
Non solo squat: per vantare quel fondoschiena da urlo la showgirl argentina segue dei trattamenti estetici a base di fili d'oro. Si chiama remaillage ed è una tecnica usata come alternativa al lifiting chirurgico. che esiste dagli anni Sessanta ma che ha preso poco piede in Italia.
 
Il remaillage è l’ideale per salvaguardare le rotondità dei glutei e la definizione delle forme, senza ricorrere al bisturi, bensì a dei fili d’oro. In sostanza, con l’aiuto di un ago sottilissimo si crea nel sottocute un reticolo fatto con un filo d’oro al 99,9%, che sosterrà quelle zone dove la massa muscolare e la cute tendono a cedere.
 
 
Tuttavia, rispetto alla tecnica dei fili d’oro a cui pare sia ricorsa Belen Rodriguez, esistono delle tecniche ancora più innovative che sfruttano i fili biostimolanti. Cosa stimolano, vi starete chiedendo? La produzione di collagene, creando una trama fibrosa che funziona come un sostegno naturale della zona trattata. I fili in questione sono riassorbibili e oltre a migliorare la qualità della pelle, donano anche un naturale effetto lifting. Da eseguire senza dover ricorrere all’anestesia.
 
 
Se è un po’ di volume sul lato B quello che andate cercando, esiste il lifting con fili di sospensione, pensato apposta per chi desidera forme prosperose e un fondoschiena prominente. In questo caso, però, si tratta di un vero e proprio intervento, che comprende anche un periodo di riabilitazione dopo l’operazione.