Come smacchiare le bottiglie di vetro

Le bottiglie di vetro trasparente sono piacevoli alla vista e utili per portare a tavola il vino sfuso. Purtroppo, però, si macchiano irrimediabilmente e pulirle non è così semplice come potrebbe sembrare: acqua e sapone non bastano. Ecco i segreti: aceto, riso e ortiche.
 
Aceto e riso
Si versa nella bottiglia l’aceto di vino fino a riempire metà della sua capienza; subito dopo si versa il riso (4 o 5 cucchiai). A questo punto bisogna armarsi di pazienza e scuotere piuttosto energicamente la bottiglia perché il composto, grazie anche all’azione del riso contro le pareti interne della bottiglia, faccia il suo dovere. Sarà un po’ faticoso ma l’impegno verrà premiato: ben presto vedrai il vetro schiarirsi fino a tornare alla sua originaria trasparenza. Quando sarai soddisfatto potrai sciacquare via il tutto.
 
Ortiche
A meno che non si viva in campagna, questo metodo è meno semplice (ma altrettanto soddisfacente). Occorre infatti avere la possibilità di cogliere delle ortiche (attenzione, è importante indossare sempre i guanti!). Una volta in possesso di questa erba, occorre inserirne un mazzetto per ogni bottiglia. Indossa sempre i guanti e se non riesci a farla affondare attraverso il collo, utilizza l’impugnatura di un mestolo o un ferro ricavato da una gruccia da lavanderia. Per ultima cosa, si aggiunge acqua calda. Si scuote la bottiglia e si lascia agire l’ortica per un giorno intero. Alla fine il vetro tornerà immacolato.