Smart working, tutte le regole per farlo in benessere

smart working

Come abbellire il nostro ufficio casalingo, strutturare le giornate, vestirci e fare le giuste pause senza annoiarci o affaticarci…. Per far diventare lo smart working, se ci troviamo a doverlo affrontare, un momento piacevole da cui cogliere tutti i vantaggi.

Ecco qualche consiglio utile per chi sta lavorando da casa o alterna la presenza al lavoro “smart”.

Primo, uno spazio tutto per noi. Se può sembrare banale, lo spazio per la concentrazione isolato dal resto della famiglia e della vita casalinga è importante per rendere bene sul lavoro da casa. Non sempre è possibile, ma anche se il nostro luogo di lavoro fosse una cucina, si può optare per trasformare questa stanza in un ufficio funzionale per il tempo adibito al lavoro. Il nostro laptop, un notes per gli appunti, la tazza o la bottiglietta dell’acqua, tutto a portata di mano inclusa la giusta illuminazione e una pianta tutta per noi. Il tocco in più? Una candela profumata, da accendere a inizio giornata, che aiuti a concentrarci. Se preferite potete bruciare oli essenziali: basilico, bergamotto e rosmarino sono perfetti.

Secondo, il rispetto dei tempi. Non cediamo al lavoro notturno, iniziamo prima solo se davvero le consegne ce lo indicano, teniamo sempre un ritmo sonno veglia costante e lasciamo al lavoro il suo tempo proprio come se fossimo in ufficio. Sembra incredibile ma a molte persone accade di lavorare di più quando sono a casa e di stravolgere troppo le proprie abitudini. Bene invece la regola della pausa caffè proprio come se fossimo in azienda: sono i 5i minuti sacri per una passeggiatina sotto casa, magari col cane, oppure per un buon caffè sul terrazzo, o ancora per rilassarsi e chiudere gli occhi riposandoli prima di tornare al computer o al telefono. Anche stendere i panni o svuotare la lavastoviglie possono essere mansioni pratiche che aiutano a staccare la testa dal lavoro.

Terzo, occhio al fisico. Proprio come al lavoro, anche a casa rischiamo di restare troppo fermi in posizioni sbagliate e di procurarci dolori inutili alla schiena. Controlliamo la nostra postura al Pc, la luce diretta, ricordiamoci di contrarre la muscolatura, fare stretching, alternare la posizione delle gambe. E poi non dimentichiamo di metterci a nostro agio e farci belle anche per il lavoro da casa: no al pigiama, sì a vestiti comodi, va bene anche un filo di trucco se abbiamo riunioni. Su una cosa siamo tutte concordi: almeno in casa, possiamo restare scalze o usare comode pantofoline calde.